Perché è sconsigliato collocare l’asciugatrice all’esterno?

Anche chi ha un balcone o una pertinenza a cielo aperto può trovare difficoltà a stendere i panni ad asciugare e ricorre, pertanto, all’acquisto di un’asciugatrice. Ma se non si ha abbastanza spazio in casa dove metterla? Magari in balcone? O su un piazzale esterno? Attenzione, perché potrebbe essere fatale per la macchina. In che senso? Per quanto innovative e versatili, le asciugatrici sono degli elettrodomestici con una particolare struttura e modalità di funzionamento che collide con temperature fuori misura. Il corretto ‘modus operandi’ di un’asciugatrice, infatti, prevede la trasformazione dell’aria inspirata in vapore o aria calda e ciò è difficile in situazioni estremi di gelo o afa. La temperatura ideale per il buon funzionamento dell’asciugatrice è all’interno delle quattro mura di casa a contatto con un ambiente climatizzato in tutte le stagioni a temperature stabili, meglio se la stanza è arieggiata in quanto è un elettrodomestico che sfrutta l’aria per attivare l’asciugatura.

Ciò non significa che l’asciugatrice riscalda casa al pari di un radiatore, come si è spesso indotti a credere erroneamente. Ci sono, però, molte persone che non avendo una nicchia o uno spazietto (mica tanto ‘etto’, poi, viste le dimensioni standard della macchina!) dentro casa provano a forzare la mano per collocarla fuori, ad esempio nell’angolo del balcone o sotto una veranda scoperta. Che può succedere, in questi casi? Nulla di buono, vediamo perché. Sembra un paradosso, ma le vecchie asciugatrici sono più robuste nella resistenza a temperature eccezionali, mentre i nuovi modelli, di cui è visibile un’ampia vetrina su www.asciugatricimigliori.it, pur dotati di programmi e sensori ultratecnologici soffrono il troppo freddo o il troppo caldo.

Vi sono valori al di sotto dei quali non si può scendere, a pena di rovinare l’asciugatrice o di ridurne in modo significativo le prestazioni. Vediamo quali. Qualcuno dice che non si debba mai scendere sottozero, in tal caso l’asciugatrice si blocca e non è detto che riparta, ma è provato che anche se si scende sotto i 5 gradi, il che d’inverno soprattutto considerando le minime è più che probabile potrebbero esserci seri problemi per la macchina. Anche d’estate, viste le ultime stagioni torride, potrebbero sorgere problemi se la temperatura sale sopra i 35 gradi. Non è, poi, solo questione di gradi, ma di esposizione, infatti sia il gelo o neve che il solleone potrebbero rovinare o scalfire lo smalto della carrozzeria, danneggiando l’involucro dell’asciugatrice.