Nella scelta di una lavatrici è importante valutare la classe di efficienza energetica. Che significa? A seconda di questa classificazione le lavatrici sono suddivise in categorie, che differiscono per l’entità del consumo energetico dell’elettrodomestico in oggetto. Ecco perché è così importante scegliere la giusta classe di efficienza energetica al momento dell’acquisto di una lavatrice, per tagliare gli sprechi e al tempo stesso aiutare l’ambiente rispettandolo. La classe di efficienza energetico è un parametro di valutazione esemplificato da una scala di valori, sulla base di una regolamentazione delle normativa comunitaria. Sul prodotto è visibile su un’etichetta che classifica il prodotto a seconda della sua classe di efficienza energetica. Le lavatrici più economiche sono quelle di classe A+++ a basso consumo annuo, stimato approssimativamente sotto i 154 kWh/anno che equivale a una spesa in bolletta inferiore a 30 euro all’anno.

Poi si sale, via via, con le classi A++, A+, A fino alla D che con un consumo annuo massimo di 290 kWh comporta una spesa di energia elettrica intorno ai 65 euro annui. Questa suddivisione in fasce di consumo si differenziano da modello a modello e dipendono dalle specifiche tecniche, dalla portata e dalle caratteristiche del prodotto. Incidono sul valore anche i programmi, il tipo di centrifuga e persino il rilascio di suoni in decibel durante il ciclo di lavaggio e nella fase di centrifuga. E’ ovvio che scegliere una lavatrice di fascia A+++ ci garantirà da subito un risparmio considerevole, ma tutto dipende dall’uso che si dovrà fare dell’elettrodomestico, da quanti siamo in casa e dalla frequenza d’uso, per non dire dalla capienza di carico.

A riguardo, si dovrà fare un calcolo sommario delle lavatrici da fare in media in una settimana, ad esempio, per potersi orientare sull’acquisto del modello più giusto. Anche il peso della massa di indumenti da lavare e quanto sono sporchi incide sui consumi, come nel caso delle lavatrici oversize specializzate nel lavaggio di carichi di biancheria superiori a 10 chili, che poi fanno la differenza in bolletta. I modelli a maxi-carico sono indicati per famiglie numerose che, anziché dover fare più lavatrici, possono smaltire la biancheria sporca in un unico carico, con un solo ciclo di lavaggio. Per queste ed altre esigenze sarà opportuno valutare le varie proposte di mercato, ben illustrate su www.lavatricemigliore.it.